Sport

Canosa Calcio cede il passo al Ginosa: rossoblù sconfitti 1-3

Bel gioco ma tante disattenzioni in campo

Calcio
Canosa lunedì 25 novembre 2019
di Sabino Del Latte
Canosa calcio
Canosa calcio © n.c.

Cade fra le mura amiche il Canosa Calcio di mister Celestino Ricucci che, dopo la vittoria ottenuta in terra foggiana contro l’Apricena.

La squadra è costretta a capitolare fra le mura amiche a causa delle disattenzioni difensive che, da un po’ di tempo a questa parte, continuano a caratterizzare le prestazioni dell’intero collettivo rossoblù. I rossoblù creano, giocano e divertono, ma negli ultimi metri peccano di precisione.

Mister Ricucci lascia fuori a sorpresa Pugliese e schiera i suoi con il solito 4-3-3 con Crisantemo in porta, retroguardia difensiva composta da Di Pietro, Ujka, Abruzzese e Paradiso, mediana con capitan Landolfi, Valentino e Matarr e trio d’attacco composto da Iacobone, Patruno e Ieva.

I padroni di casa partono forte e al 5’ si portano in vantaggio con Ieva che su lancio di Landolfi, dopo aver addomesticato la sfera, di destro trafigge l’estremo difensore ospite per l’1-0. Gli ofantini sono in palla e vanno vicini a più riprese al raddoppio con Ieva prima e con Patruno poi il quale, a tu per tu con Tanzi, vanifica clamorosamente una ghiotta occasione da rete.

I rossoblù riescono a produrre una buona mole di gioco, ma è l’ennesima disattenzione da calcio piazzato, precisamente da angolo, a costare la rete dell’1-1 che arriva a firma di Camassa.

Altre occasioni degne di nota non se ne segnalano e così si va alla ripresa che vede un Canosa Calcio conscio delle proprie capacità e che continua a creare pericoli. Iacobone, a pochi minuti dall’inizio dei secondi quarantacinque minuti, non riesce a centrare lo specchio della porta mentre è D’Ercole a vedersi strozzata la gioia della rete a causa di un fuorigioco segnalato dal guardalinee.

Al 76’ però sono ancora i salentini ad andare in rete per l’1-2 ancora con Camassa che dopo la respinta corta di Crisantemo su punizione e il corto rinvio di Abruzzese, da due passi castiga ancora i rossoblù. Nel finale, all’89’ è Carlucci sempre sugli sviluppi di un calcio di punizione, a portare lo score sul definitivo 1-3.

Al triplice fischio così arriva la terza sconfitta interna stagionale per il sodalizio del presidente Tedeschi, che non riesce a portare a casa i tre punti nonostante la squadra abbia creato numerosi pericoli.

Le sbavature difensive continuano ad essere un fattore costante. Adesso, dopo questo tonfo interno, fondamentale sarà ricaricare le pile in vista dell’impegno in trasferta che attende gli ofantini, domenica prossima, in casa del Don Uva Bisceglie, quest’oggi vittorioso in casa della Rinascita Rutiglianese per 0-1 e che grazie a questi tre punti, si rilancia nella lotta salvezza salendo a quota 10 punti.

La salvezza, l’obiettivo stagionale dei canosini, passerà anche da qui.

Lascia il tuo commento
commenti