Sport

Il Canosa Calcio cade in casa della Virtus Andria

3-2 il finale: a una giornata dal termine del campionato, ai rossoblù servirà un punto per ipotecare i play-off

Calcio
Canosa lunedì 15 aprile 2019
di Sabino Del Latte
Canosa Calcio
Canosa Calcio © n.c.

Sarebbe stato necessario essere semplicemente più attenti ed evitare alcune disattenzioni per portare il risultato a casa ed invece, come da un po’ di tempo a questa parte, il Canosa Calcio ha scelto di percorrere la strada più difficile, complicandosi un po’ la vita.

Alla vigilia del match in terra andriese, l’obiettivo comune era quello di chiudere il discorso play-off con un turno d’anticipo, ma purtroppo così non è stato in quanto i rossoblù sono stati costretti alla sconfitta sul campo della Virtus Andria per 3-2.

La gara è stata a tratti ben condotta dalla formazione canosina che però peccando sempre di concentrazione e complice anche alcune più che discutibili decisioni arbitrali, torna a casa con l’amaro in bocca. Mister Gianluigi Trallo schiera i suoi con un 4-3-1-2 con Crisantemo in porta, linea difensiva a quattro composta da Dattoli, Abruzzese, Manasterliu e Cardinale, centrocampo con Civita, Valentino e Lops e con Lasalandra alle spalle di Ardito e di Caputo.

Al “Sant’Angelo dei Ricchi” di Andria, i canosini partono forte, premono sull’acceleratore ed iniziano a creare numerose occasione da rete. Al 14’ i rossoblù passano meritatamente in vantaggio con Ardito che su cross dalla destra di Dattoli, di testa beffa l’estremo difensore avversario per lo 0-1.

Sull’onda dell’entusiasmo, i nostri beniamini alzano il proprio baricentro e pochi minuti dopo Caputo su cross di Civita , per poco non raddoppia. Al 17’ ci provano invece i padroni di casa con Fiore ma il suo tentativo termina di poco a lato della porta difesa da Crisantemo.

I canosini sono in salute, hanno fiducia nei propri mezzi e di conseguenza il raddoppio non si fa attendere poiché al 19’ Caputo ben servito da Lasalandra, dopo essersi ben destreggiato in area di rigore, insacca per lo 0-2.

Il match sembra indirizzarsi sui giusti binari per il Canosa anche se la Virtus Andria al 27’ torna a rendersi pericolosa ancora una volta con Fiore, il quale però trova la pronta risposta di Crisantemo che devia in angolo. Il sodalizio del presidente Tedeschi prova a gestire il risultato, ma ancora una volta pecca di maturità in quanto al 28’ Lops perde palla e sulla conseguente ripartenza, l’ex Quaquarelli con un potente destro riapre la contesa, portando lo score sull’1-2.

La rete dei padroni di casa rende il match molto vivace e al 38’ Troia per poco non riporta il risultato sulla parità con un colpo di testa sotto misura. I ragazzi di mister Trallo concludono così la prima frazione soffrendo, dopo aver ampiamente dominato, a testimonianza del fatto che questo Canosa alle volte sa essere veramente imprevedibile ed in fondo, la seconda frazione di gioco andrà a confermare proprio ciò.

Infatti, la ripresa vedrà regnare poche occasioni da rete fino al 63’ quando il direttore di gara Loconte di Bari non assegna un più che discutibile calcio di rigore che ancora Quaquarelli dal dischetto trasforma per il 2-2.

Il pareggio e quindi il conseguente recupero delle due reti, suona come un campanello d’allarme per i rossoblù che provano a rimettere la contesa sui giusti binari con Ardito che dopo aver visto essere parato con un miracolo il proprio tentativo dal portiere di casa Campanile, spreca in seguito una ghiotta occasione per riportare i suoi in vantaggio.

Mister Trallo prova a scuotere i propri ragazzi con alcuni cambi, ma a differenza di altre volte, quest’ultimi non portano i frutti sperati. Così, si arriva al 79’ quando per gli ospiti arriva la doccia gelata: uno scatenato Quaquarelli va via sulla destra e crossa al centro dove trova pronto Amorese che con un inserimento, beffa Crisantemo per il clamoroso 3-2.

A nulla servono, in zona Cesarini, gli ultimi sporadici assalti del Canosa e così al fischio finale, arriva la settima sconfitta stagionale. L’avvento della primavera non ha per niente portato bene alla società canosina in quanto gli ultimi risultati, possono essere ampiamente definiti come altalenanti. Insomma, nelle ultime partite si è fatto fatica a trovare continuità di risultati ma anche quella concentrazione che da qui in avanti sarà fondamentale.

A una giornata dal termine della regular season, il Canosa si ritrova terzo in classifica a quota 58 punti con il Borgorosso Molfetta quarto a 55 punti. Lo Stornarella invece ha visto il proprio match essere sospeso e allo stato attuale dei fatti, al sodalizio del presidente Tedeschi servirà un punto nell’ultimo impegno di campionato contro l’Ideale Bari dopo la pasqua pasquale, per ipotecare la terza piazza in campionato e di conseguenza la semifinale play-off.

La sosta arriva così nel momento più adatto, perché consentirà a tutto l’ambiente e alla squadra, di ricaricare le pile. Manca poco al raggiungimento dell’obiettivo prefissato a inizio stagione e sarebbe un peccato buttare tutti i sacrifici, l’impegno e la determinazione che sono stati profusi durante tutto l’arco della stagione.


Lascia il tuo commento
commenti