Dalla Regione Puglia

Protezione Civile, approvata riforma regionale. Mennea: «Un grande giorno»

Per adeguare la Puglia al nuovo codice nazionale, varato nel 2018. Siamo tra le prime regioni in Italia ad aver intrapreso questo lavoro di aggiornamento

Politica
Canosa giovedì 05 dicembre 2019
di La Redazione
Ruggiero Mennea e Angelo Borrelli
Ruggiero Mennea e Angelo Borrelli © n.c

«Oggi (ieri, ndr) è un grande giorno per la Protezione Civile pugliese perché è stato approvato all’unanimità il disegno di legge che riforma il “Sistema regionale di Protezione Civile”. Un’azione necessaria al fine di adeguare la Puglia al nuovo codice nazionale, varato nel 2018. Noi siamo tra le prime regioni in Italia ad aver intrapreso questo lavoro di aggiornamento e arricchimento per rendere più funzionale, snella e dinamica la macchina della Protezione Civile». Lo ha dichiarato il presidente del comitato permanente di Protezione civile regionale, Ruggiero Mennea, a margine del Consiglio regionale.

«Abbiamo lavorato sodo per elaborare un testo legislativo che tenesse insieme tutte le strutture operative e rafforzasse la capacità di reazione della macchina dell’emergenza. Attiveremo le convenzioni previste della legge, coinvolgeremo in misura maggiore gli ordini professionali, le strutture operative nazionali insieme ai coordinamenti provinciali dei volontari; creeremo un legame con il sistemo governativo dei singoli comuni della regione Puglia. Si tratta di una riforma che guarda ai nostri volontari, cuore e ingranaggi della Protezione, e dei cittadini rendendoli responsabili e componenti attivi del sistema. Diffonderemo la cultura della protezione civile in tutte le scuole pugliesi e coinvolgeremo sempre più i cittadini. Porteremo la Protezione civile alla ribalta europea»

«Un risultato – conclude il consigliere regionale Ruggiero Mennea - che la Puglia porta a casa anche grazie al presidente della quinta commissione, i colleghi commissari, il dirigente della sezione di Protezione civile Mario Lerario e l’assessore e vicepresidente Antonio Nunziante che ha lavorato in sintonia con il comitato permanente, condividendo e coinvolgendo tutti gli attori del sistema così da produrre un ottimo testo legislativo».

Lascia il tuo commento
commenti