Elezioni provinciali

Consiglio provinciale Bat, si vota il 31 ottobre

Seggi aperti fino alle ore 20 e poi lo scrutinio. Chiamati al voto 226 consiglieri comunali ed i sindaci della sesta provincia ad eccezione dei pentastellati che propendono per l'eliminazione delle province

Politica
Canosa mercoledì 31 ottobre 2018
di La Redazione
Provincia Bat - sede di piazza San Pio X
Provincia Bat - sede di piazza San Pio X © AndriaLive

Oggi si vota per eleggere il nuovo Consiglio provinciale della Bat. Una elezione di secondo livello. Il che significa che alle urne, allestite presso la sede della sesta provincia, ad Andria, in piazza Pio X, dalle ore 8 alle ore 20, saranno chiamati solo i 226 Consiglieri comunali ed i Sindaci delle 10 città (ad eccezione di Canosa il cui sindaco Morra e consiglieri del M5S, in linea con i pentastellati è per l'abolizione totale delle province, non prenderanno parte al voto). In altre parole, i cittadini non hanno diritto di voto.

Lo scrutinio avverrà subito dopo la chiusura dei seggi, a partire dalle ore 20.

È bene ricordare che il Sindaco di Andria, Nicola Giorgino, resterà in carica altri due anni nelle vesti di Presidente della Bat. In questo appuntamento odierno, infatti, si procederà solo alla scelta dei Consiglieri provinciali.

In lizza, rispetto all’ultima tornata elettorale, non ci saranno più i sindaci delle 10 città. Nessun Sindaco, infatti, compare nelle tre liste presentate nelle scorse settimane. Vi fanno parte solo Consiglieri comunali dei 10 comuni.

Le tre liste sono così suddivise: una di area di centrodestra (“Insieme per la Bat”); una che fa riferimento al Governatore Michele Emiliano (Fronte Democratico per la Bat); ed una che porta il nome del Partito democratico.

Per il centrodestra la lista completa è così composta: Gennaro Lorusso Andria, Micaela D’Avanzo Andria, Cosimo Damiano Albore di Trani, Giuseppe De Toma di Trani, Gigi Antonucci di Barletta, Carla Mazzilli di Bisceglie, Pierpaolo Pedone di Bisceglie e Angela Di Gregorio di Bisceglie, Massimiliano Bevilacqua di Minervino, Sabatina Sinisi di Minervino, Giuseppe Di Paola San Ferdinando, Carla Distaso di San Ferdinando.

Questa invece è la lista Fronte Democratico Bat: Laura Di Pilato di Andria, Beppe Corrado di Trani; Savino Tesoro di Margherita di Savoia, Rosa Scognamillo di Margherita,Anna Barresi di Trani e Giuseppe Bufo di Barletta.

L’ultima lista, quella del Partito Democratico comprende: Giovanna Bruno di Andria, Rosa Cascella di Barletta, Michele Lamacchia San Ferdinando, Lorenzo Marchio Rossi di Andria, Carlo Avantario di Trani e Barabara Costabile di Spinazzola.

Questa la composizione delle liste, malgrado i corsi e ricorsi susseguitisi nelle scorse settimane e che facevano riferimento alle orami note formalità messe in discussione ma che poi si sono rivelate un fuoco di paglia. Si corre dunque per la composizione del nuovo consiglio provinciale il cui esito potrebbe incidere sulla geografia politica del territorio in vista dell’appuntamento poi con le Elezioni Europee.

Lascia il tuo commento
commenti