La nota del Partito Democratico di Canosa di Puglia

La segreteria Pd: Chiediamo un patto fra gentiluomini per il proseguo della campagna elettorale

Chiediamo agli altri competitor una sorta di patto tra gentiluomini nel condannare pubblicamente quei tentativi di campagna elettorale impropria, portata avanti da soggetti che si dichiarano neutri ma che di fatto non lo sono

Politica
Canosa giovedì 12 maggio 2022
di La Redazione
logo pd
logo pd © archivio pd

"La voglia di tirare per la giacchetta il Pd dopo non aver mostrato interesse per il candidato sindaco Tomaselli o per il dottor Vito Malcangio relativamente ad una richiesta che giunse da esponenti interni ora passati a miglior lista quando ancora il dottor Malcangio non sapeva di essere candidato, è sempre stata forte tant'è che l’avvocato Enzo Princigalli, nel ruolo inedito di portavoce non ufficiale del candidato sindaco Tomaselli, spinge verso una seria riflessione sulla persistenza delle condizioni, in termini di affinità valoriali, in merito all'alleanza politico-elettorale con il Movimento Cinque Stelle di Canosa". A scriverlo in una nota è la segreteria del Partito Democratico di Canosa di Puglia.

"Nel frattempo che l’avvocato Princigalli rifletta per noi - spiegano dal partito - ricordiamo che la pietra dello scandalo, ciò che ha generato questa quasi imponente alzata di scudi, è la risposta piccata del Sindaco ad un video girato dal dottor Sergio Fontana sullo stato delle strade, da lui definite dissestate, intorno alla Zona Industriale".

"Ebbene, ci sono questioni di stile e questioni di merito. Sulle questioni di stile abbiamo qualche divergenza con il M5S, lo ammettiamo. Ad esempio, crediamo ma è un nostro parere personale che la cosa non è mai stata oggetto di discussione e determinazione internamente al partito e che quello del quadro in Cattedrale sia stato veramente un incidente. Le scelte artistiche di un autore - continuano dal Pd - bizzarrie comprese, così come il suo stile, non ha senso renderle oggetto di una pubblica discussione. Bene hanno fatto però, per questioni di opportunità, a ritirarlo sine die per aggiornarlo. Ma le alleanze non si fanno sulle questioni di stile, ma su quelle di merito, e, nel merito, potrebbe aver ragione il dottor Fontana, ma non sono da non considerare quelle del Sindaco Roberto Morra che afferma, come questa amministrazione abbia investito più di un milione di euro in strade arrivando a coprire oltre 17 km di nuovi asfalti. Ora, dovendo ragionare in generale, come si fa in politica, e non sul caso particolare, come si fa tra antagonisti, la risposta più opportuna del dottor Fontana magari dovrebbe essere sostenere che non quei soldi non siano stati spesi e dimostrarlo con carte alla mano. Rimaniamo in attesa che costruttivamente ciò avvenga, il resto son questioni di bon ton e non si può pretendere che quello pentastellato sia sovrapponibile a quello confindustriale o affini".

Ma alle questioni di merito vanno aggiunte quelle di opportunità. "Pertanto - proseguono dal Partito - non ci pare che nei cinque anni di questa amministrazione, il dottor Fontana abbia sollevato problemi di percorribilità stradale nella Zona Industriale o che lo abbia fatto in questa forma così icastica ed efficace. Ce lo saremmo ricordati, perbacco. E spontanea viene la domanda: proprio ora lo doveva fare? Il dottor Fontana è un importante esponente di un’associazione fondamentale per la cultura, l’economia e la società italiana. Da sempre Confindustria cerca di tenersi fuori dall’agone politico, quantomeno evitando di prenderne direttamente parte. Ci sembra ovvio pensare, a questo punto, che così non sia, visto che il video diffuso via social ha tutta l’aria di uno spot elettorale non tanto a vantaggio di un qualche altro candidato, la cosa sarebbe deprecabile ma comprensibile, quanto in danno dell’attuale Sindaco. Sotto questo punto di vista, Fontana non è solo. Registriamo, in questo periodo, parecchi movimenti di associazioni che in teoria non dovrebbero andare a favore o contro un qualche candidato. A questo punto siamo noi che chiediamo agli altri competitor una sorta di patto tra gentiluomini, nel senso di condannare pubblicamente quei tentativi di campagna elettorale impropria, nemmeno tanto occulta, portata avanti da soggetti che si dichiarano neutri ma che di fatto non lo sono: l’avvocato Princigalli - concludono dalla segreteria - ne conoscerà sicuramente qualcuno".

 

 

 

Lascia il tuo commento
commenti