19 maggio al KOKO EXP di Canosa di Puglia

Cena a 6 mani al KOKO EXP di Canosa di Puglia

A cena con tre grandi interpreti della Cucina pugliese e internazionale. Lo chef “resident” Sabino Scolletta, lo chef executive, calabrese, Luca Vaccaro e la pastrychef, pugliese, Anna Croce

Contenuti Suggeriti
Canosa martedì 17 maggio 2022
di La Redazione
Chefes Sabino Scolletta, Luca Vaccaro e Anna Croce.
Chefes Sabino Scolletta, Luca Vaccaro e Anna Croce. © Archivio

Al KOKO EXP di Canosa di Puglia, il 19 maggio prossimo si terrà una cena a 6 mani con tre grandi interpreti della Cucina conteporanea pugliese e internazionale. Lo chef “resident” Sabino Scolletta accoglierà nella sua cucina, lo chef executive calabrese Luca Vaccaro e la pastrychef pugliese Anna Croce. Un’esperienza multisensoriale indimenticabile in cui 3 creatività si fonderanno in un unico grande concetto di gusto.

Sabino Scolletta, canosino Doc, dirige la brigata del Koko Experience, ristorante fusion. Si è formato presso l’alberghiero “Luigi Einaudi” di Canosa e vanta da numerose esperienze professionali lungo tutta la Puglia; dal Gargano al Salento, tra cui l’Osteria Cefalicchio di Canosa, avviando la sperimentazione tra cucina tradizionale ed innovativa e raggiungendo il suo culmine nella “fusion” del KOKO Exp.

Luca Vaccaro, calabrese di nascita ma romano di adozione, dopo la scuola alberghiera e l’ALMA di Colorno (Pr), si è fatto le ossa nelle migliori cucine europee tra cui il Palace di Sankt Moritz e il Favaro in Lussemburgo. Per tre anni ha gestito la cucina del ristorante “A Tavola” in Alsazia dove conquista il titolo di “Migliore ristorante d’Alsazia” e la tanto desiderata Stella Michelin nel 2019.
d’Alsazia. La sua voglia di crescere e di trovare nuove sfide lo riporta in Italia, dove guida numerose cucine e collaborazioni. Gli ospiti che vengono a scoprire la sua cucina trovano sempre un’emozione nascosta in ogni piatto, Dall’eleganza che deriva dall’attenzione per i dettagli, al rispetto delle materie prime, senza mai dimenticare le origini e le contaminazioni acquisite dalle sue esperienze. La sua cucina deriva dalla grande tradizione mediterranea, da regioni come la Calabria, la Puglia e la Campania, e si evolve con la tecniche apprese in giro per l’Europa. Lo chef afferma, “la cucina non si impara, la cucina si scopre. Dentro di me ho sempre saputo di dover fare questo mestiere. Fin da quando ero bambino, nella cucina di mia nonna, mentre imparavo a impastare il pane e la pasta”.

Anna Croce, pastrychef, nasce come autodidatta dall’età di 13 anni e dopo aver fatto altri lavori decide di rendere la sua passione una professione, iniziando un percorso di pasticceria in Basilicata e frequentando poi le migliori scuole in Italia. Impara l’arte della pasticceria moderna e della gelateria con Ciro Fradanno e Stefano Laghi e non per ultimo si specializza nella pralineria con Maurizio Frau. Anna collabora con lo chef Vaccaro da 5 anni.

La cena avrà inizio alle 20.30 e prevederà 5 portate più amose bouche, pre dessert e dessert finale  in abbinamento a 3 vini e una bollicina. Il costo per la partecipazione è di 65 € a persona.
Per info e prenotazioni 3533958475.

Lascia il tuo commento
commenti