Convegno in sala rossa "Palumbieri"

Giorno del Ricordo, il Prefetto Valiante: «Una tragedia umana che non può avere colore politico»

"Una ricorrenza come quella del 10 febbraio deve essere foriera di valori di uguaglianza, pace, democrazia, rispetto dei diritti e della dignità di ogni cittadino"

Attualità
Canosa mercoledì 12 febbraio 2020
di La Redazione
Giorno del Ricordo
Giorno del Ricordo © nc

“Celebrare il Giorno del Ricordo non è solo un’occasione formale per ottemperare ad una disposizione normativa ma soprattutto un dovere morale di ciascun cittadino di ricordare una tragedia umana che non può avere colore politico né connotazione geografica perché rappresenta una pagina triste per tutto il nostro Paese”.

Lo ha dichiarato il Prefetto di Barletta Andria Trani, Maurizio Valiante, in occasione del convegno sul Giorno del Ricordo tenutosi nel pomeriggio del 10 febbraio presso la Sala Rossa del Castello Svevo di Barletta, organizzato dall’Associazione Nazionale dei Dalmati Italiani nel Mondo con il patrocinio del Comune di Barletta ed in collaborazione con la Prefettura.

“Ringrazio il dott. Di Cuonzo Sansa, sopravvissuto alla tragedia giuliano-dalmata, e l’Amministrazione Comunale di Barletta per aver voluto rendere onore, con questa cerimonia, alle vite distrutte dal massacro delle foibe e dell’esodo giuliano-dalmata - ha aggiunto il Prefetto -. Momenti come questo sono necessari sono solo per la loro valenza commemorativa ma anche per la loro finalità etica ed educativa: solo attraverso una visione critica degli errori del passato è possibile responsabilizzare e rafforzare la coscienza civile di ciascuno di noi, a cominciare dai più giovani, proprio per evitare il ripetersi di analoghe tragedie. Purtroppo, ancora oggi permangono ombre legate a situazioni inconcepibili di razzismo, discriminazione ed intolleranza ma una ricorrenza come quella del 10 febbraio deve essere foriera di valori di uguaglianza, pace, democrazia, rispetto dei diritti e della dignità di ogni cittadino, che sono le fondamenta basilari del nostro Paese. E’ dovere di tutti i rappresentanti delle istituzioni e di ogni cittadino - ha poi concluso il Prefetto Valiante - impegnarsi nel tramandare ai più giovani questi valori per garantire una ordinata e serena convivenza civile”.

Lascia il tuo commento
commenti