la nota Pd

Raccolta rifiuti, sciopero lavoratori. Pd: "La politica si assuma responsabilità"

"Una ditta che paga le mazzette va mandata via subito"

Politica
Canosa giovedì 07 dicembre 2017
di La Redazione
raccolta rifiuti cantiere Sangalli
raccolta rifiuti cantiere Sangalli © AndriaLive
"Una sentenza di primo grado ha condannato a sei anni un ex assessore di Andria (della Giunta Giorgino di centro destra) che pare abbia intascato mazzette dalla ditta che poi si è aggiudicata l'appalto dei rifiuti. Le mazzette ahinoi, alla fine, le pagano i cittadini con tasse più alte e servizi più scadenti". A dichiararlo la segreteria del Partito Democratico di Canosa di Puglia.


"Questa storia riguarda anche noi canosini perché sulla nostra città insiste il medesimo appalto - si continua a leggere nella nota -. Abbiamo da tempo denunciato la condizione indecorosa in cui versa la nostra nostra città. Pur essendo convinti che non abbiano assolutamente avuto a che fare con quell'assessore andriese condannato, chiediamo a chi ha amministrato (Giunta La Salvia) e soprattutto a chi ora amministra Canosa (Giunta 5Stelle): cos'altro dovrebbe accadere per far si che si prendano le dovute distanze da una ditta che paga le mazzette e che, tra le altre, pare non rispettare nemmeno i diritti dei lavoratori?"

Continuano gli interrogativi del Pd:" Cosa deve ancora accadere per decidere di svincolarsi da un contratto nei confronti del quale la ditta sembra palesemente inadempiente? Tutto questo è ormai inaccettabile. Troppo spesso si è discusso dell’affidamento di servizi al privato anziché al pubblico. Troppo spesso si è cercato di giustificare determinate scelte.

L'ex sindaco La Salvia e l'attuale Morra sembrano accomunati dalle stesse caratteristiche di eccessiva e inspiegabile prudenza - incalza la segreteria Pd -. Di tempo, ormai, ne é passato per leggere e capire le carte e i cavilli, per capire cosa e come fare. "La salute pubblica prima di tutto!" ci ripetiamo. Ma una ditta che paga le mazzette va mandata via subito.
I lavoratori canosini della ditta hanno proclamato uno sciopero per rivendicare i propri diritti e, mortificati, si scusano con i cittadini perché non riescono a fare bene il proprio lavoro causando disagi.

Purtroppo - conclude il Pd - non sono loro a doversi scusare. Nell'ordine, dovrebbero chiedere scusa ai Cittadini di Canosa: Francesco Ventola, Ernesto La Salvia e Roberto Morra".

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette