Religione

Statua della Vergine Desolata, il ritorno dopo il restauro

Sabato 17 febbraio alle ore 18:00 presso la chiesa dei "Santi Francesco e Biagio"

Attualità
Canosa mercoledì 14 febbraio 2018
di La Redazione
Desolata a Canosa
Desolata a Canosa © n.c.

La comunità parrocchiale "Santi Francesco e Biagio" di Canosa di Puglia insieme al suo parroco, don Carmine Catalano, annuncia il rientro del simulacro della Madonna Desolata, restaurata e riportata alla sua originale bellezza. Dopo alcuni mesi di restauro, eseguiti dai maestri andriesi Valerio Iaccarino e Giuseppe Zingaro, che sono serviti per la disinfestazione del tarlo e la riqualificazione di alcune parti e il definitivo restauro, sabato 17 febbraio (Primo sabato di Quaresima) alle ore 18:00 sarà celebrata una messa presieduta dal Vescovo Mons. Luigi Mansi ed al termine del rito ci sarà la presentazione ufficiale del restauro e la benedizione della statua.

"Il gruppo scultoreo, realizzato in cartapesta policroma, - spiegano i maestri restauratori dello Studio D'Arte e Restauro nella relazione tecnica - raffigura la Madonna Desolata ed è opera dello scultore napoletano Giuseppe Catello. La Vergine Maria, in abiti scuri, è seduta a fianco del sepolcro di Gesù Cristo su cui campeggia una croce e un'iscrizione latina "POSUIT ME DESOLATAM". Su di Lei è un angelo in volo che le pone l'aureola sul capo. La Desolata ha il volto dolente e gli occhi pieni di lacrime; la mano destra regge un fazzoletto bianco mentre la sinistra mostra il suo Sacro Cuore (forse un ex voto)".

Lascia il tuo commento
commenti